Seleziona una pagina

Ansia come superarla

Finalmente anche la scienza si è decisa ad ammettere che “l’energia” è la nuova frontiera per la medicina.

“La medicina del futuro si fonderà​
sul controllo dell’energia presente all’interno del corpo.”​
Professor William Tiller, Stanford University.

Non è più fantascienza. L’energia esiste e sempre esisterà. Prima impariamo ad utilizzarla a nostra vantaggio e maggiori saranno i benefici sul nostro corpo, mente e spirito. Ogni emozione e sentimento (come l’ansia) è il frutto di una vibrazione energetica.

Nel bellissimo libro di Esther e Jerry Hicks “Chiedi e ti sarà dato” si parla tantissimo delle frequenze energetiche e dell’importanza di avere emozioni e sentimenti di “qualità”.

Si può tranquillamente affermare che ogni emozione ha frequenze vibrazionali diverse dalle altre. Dobbiamo imparare ad “ascoltarci”. Ascoltare le nostre emozioni senza giudicarle o biasimarle ma semplicemente conoscerle e comprendere “dove siamo” in quel momento, mi spiego meglio…

Le emozioni sono come “indicatori”. Dei segnali che ci indicano quanto stiamo bene o male. Ci servono per identificare quanto siamo connessi con la parte più evoluta, divina di noi stessi.

“Quando stiamo davvero bene. Quando siamo completamente in allineamento con la parte divina di noi stessi accade quanto segue:

  • Siamo liberi.
  • Siamo forti.
  • Siamo buoni.
  • Siamo amore.
  • Abbiamo un valore.
  • Abbiamo uno scopo.
  • Tutto è bene.

Quando dobbiamo affrontare l’ansia e i suoi derivati, possiamo imparare ad identificare quali sono le emozioni che proviamo in quel momento e da quelli cercare di elevarli in qualcosa di più costruttivo ed utile per il nostro benessere.

Esther e Jerry Hicks in “Chiedi e ti sarà dato” ci hanno regalato un “scala emotiva”, una specie di graduatoria emotiva che può aiutarci a comprendere “a che punto siamo”, “dove siamo” a livello emotivo.

Una volta che ne siamo consapevoli possiamo trasformare la nostra negatività in positività.

Ecco la gradazione delle emozioni che ci suggeriscono nel loro libro:

  1. Gioia/conoscenza/potere/libertà/amore/apprezzamento.
  2. Passione
  3. Entusiasmo/desiderio ardente/contentezza
  4. Attesa positiva/convinzione
  5. Ottimismo
  6. Speranza
  7. Soddisfazione
  8. Noia
  9. Pessimismo
  10. Frustrazione/irritazione/impazienza
  11. Senso di sopraffazione
  12. Delusione
  13. Dubbio
  14. Preoccupazione
  15. Biasimo
  16. Scoraggiamento
  17. Collera
  18. Desiderio di vendetta
  19. Odio/furore
  20. Invidia
  21. Insicurezza/colpevolezza/indegnità
  22. Paura/dolore/depressione/disperazione/Impotenza

Che cosa fare una volta che abbiamo identificato il nostro stato emotivo all’interno di questa scala emotiva?

Non dovrai fare altro che sviscerare la tua emozione risalendo, lentamente, la scala emotiva. Te lo spiego con un esempio.

Esempio: Da Collera (17) a Speranza (6)
In questo momento sto provando collera, provo a rispondere a queste domande:

  1. Perché sto provando collera?
  2. Chi o cosa sto giudicando in questo momento? (risaliamo così al punto 15 della scala emotiva: biasimo).
  3. Il soggetto che ho identificato nella domanda 2 che cosa ha deluso in me? Qualche aspettativa? Se sì, quale? (risaliamo così al punto 12 della scala emotiva: delusione).
  4. Questa delusione mi ha irritato? (concentrandoti sull’irritazione sali al punto 10 della scala: Irritazione).
  5. Infine, quali motivi “inconsci” potrebbero far scattare in me questo senso di irritazione? Non è forse il momento di lasciare andare questa inutile emozione? (risaliamo così al punto 6 della scala emotiva: speranza).

Come puoi notare con cinque semplici domande abbiamo trasformato la nostra collera in speranza, gradualmente e con facilità. È facile, basta solo un po’ di esercizio e il gioco è fatto.

Nella mia “Guida Pratica contro Ansia e derivati” ti guido anche con la mia voce (ci sono ben 10 tracce audio) per imparare facilmente ad utilizzare questo semplicissimo metodo della “scala emotiva”. Clicca qui per scoprire di più…